Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
U jchiantu di na maritata
Questa poesia prende spunto da un fatto realmente accaduto e parla di un tempo, ormai lontano, quando le donne non avevano voce in capitolo sulla scelta del marito.

Dialetto: Calabria

U jchiantu di na maritata

Arzira cu lu luci di la luna
vitti na bbella chi si pettinava;
si la faciva la so liffatura
cu li lagrimi soi si la bagnava.

E si guardava ja facci di luna
guarda a sso` maritu e suspirava;
si la pijgghiava cu la so` furtuna
ca non ci detti a cu s'ammeritava.

  Traduzione in italiano

Il rimpianto di una donna

Ieri sera con la luce della luna
ho visto una bella donna che si pettinava;
si lisciava la sua pettinatura
e con le lacrime sue se la bagnava.

Mentre si specchiava sul viso della luna
guardava suo marito e sospirava;
malediva la sua fortuna
perché non le aveva dato l'uomo che meritava.



Poesia inviata da: Silvana Rechichi


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti