Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Sicilia
'A Farfalledda
Poesia in dialetto siciliano (modicano)

Dialetto: Sicilia

'A Farfalledda
‘ A farfalledda vola e nun si stanca
Ri la matina a sira sbulazzia
‘Ppuoi finalmente cuannu si siddia
Si posa supra ‘nciuri ’i rosa janca.

Si jnci i vurancheddi pari pari
Ri ddu pruvulazzieddu ca par ‘oru
E ppuoi lu potta supra l’atri ciuri
E senza sapillu ci fa fari amuri.

‘Gn’juornu ci rissi :Picchì lu Signuruzzu
ti resi ‘sti culura accussì beddi
ma ‘a vita tanta cutta e biniritta
ca ra matina nunn’arrivi a sira?

Mi rispunniu:è veru campu picca
Ma iu la vita mia m a guoru tutta.

Nun fazzu comu tanti puvirieddi
Ca ppi varagnari pponnumani
Nun virinu se ciovi onesci ‘u suli
E tutta’a vita sunu rispirati.
(comu no ‘nfiernu l’animi dannati)

E ‘ppuoi mi rissi ancora sbulazziannu:
se vuoi virri spuntari lu rumani
T’ha gotiri lu juornu c’ai ppe manu.
Picchì comu ni rissi u Patri Ranni
A ogni gghiuornu cci abbastunu ’i sa affanni.

  Traduzione in italiano

La farfallina
La farfallina vola e non si stanca
Dalla mattina alla sera svolazza
Poi finalmente quando si annoia
Si posa sopra un fiore di rosa bianca

Si riempie le zampette piene piene
Di quella polvere che sembra oro
E poi la trasporta sopra gli altri fiori
E senza rendersene conto fa fare l’amore.

Un giorno le chiesi:- Perché Dio
Ti ha dato questi colori così belli
Ma la vita tanto breve e benedetta
Che dalla mattina non arriva alla sera?

Lei mi rispose: -Va bene vivo poco
Ma io la mia vita me la godo tutta!
Non faccio come tanti poverelli
Che per racimolare per l’indomani
Non si accorgono se piove o spunta il sole
E per tutta la vita sono disperati
Come nell’inferno le anime dannate

E poi mi disse ancora svolazzando:
- Se vuoi vedere sorgere il domani
Ti devi godere il giorno che hai per le mani(l’oggi)
Perché come ci ha detto il Padre Eterno
Ad ogni giorno basta la sua pena.



Poesia inviata da: Cristina Scucces


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2013 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti