Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Lazio
PAROLE
Dialetto: Lazio

PAROLE
Parole sperze, vecchie, scancellate,
strappate via dar petto
de sto pòro dialetto.
Parole giubbilate,
che gnisuno più impara,
sparite a centinara,
parole da cercà cor moccoletto,
fenite drent'ar ghetto de la sorte,
che le condanna a morte
in nome der progresso.
Parole che oramai
nun ciànno più er permesso de campà.
Fatemele sverzà sopr'a sto fojo:
"gnommero, canoffiena, tatanai,
disdossa, berzitello, farajolo,
sbiossa, caratello,
precojo, spicciatore, miffarolo..."
Parole come fiori ch'ariccojo
sur prato der passato
e che aripono drent'a un tiratore.
E quanno l'opro s'ariscalla er còre.

  Traduzione in italiano

PAROLE
Parole perse, vecchie, cancellate,
strappate via dal petto
di questo povero dialetto.
Parole accantonate,
che nessuno più impara,
sparite a centinaia.
Parole che non riesci più a trovare,
finite dentro al ghetto della sorte,
che le condanna a morte
in nome del progresso.
Parole che ormai
non hanno più il permesso di vivere.
Fatemele versare su questo foglio:
"gomitolo, altalena, confusione,
senza sella, giovanotto, mantello,
scossa, barilotto,
recinto, pettine, bugiardo..."
Parole come fiori che raccolgo
sul prato del passato
e che ripongo in un cassetto.
E quando l'apro si riscalda il cuore.



Poesia inviata da: Rosangela Zoppi


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti