Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Veneto
'A luna
Si racconta perché e come è nata la luna

Dialetto: Veneto

'A luna
On dì Gesù Bambino,
che el gheva xugà fora,
no' 'l se gà reso conto
che fusse passà l'ora.

E l'è ritornà a casa,
de corsa col fià corto,
scusarse co' so' mama
che no' 'l se gheva incorto.

El gà vardà i cartoni
e po' l'è andato a nana,
no' sensa 'na caressa
e on baso de so' mama.

Ma invesse de dormire,
parché el gavea paura,
el gà tacà a tremare
pa' 'a note massa scura.

E so' papà nel cieo
gà fato 'na magia,
el gà picà la luna
pa' farghe compagnia.

  Traduzione in italiano

La luna
Un giorno Gesù Bambino,
che aveva giocato fuori casa,
non si era reso conto
di aver fatto tardi.

E' ritornato a casa
di corsa
a scusarsi
che non se n'era accorto.

Dopo aver guardato i cartoni animati
è andato a letto
accompagnato da un bacio
e da una carezza della mamma.

Ma invece di dormire
ha cominciato
a tremare di paura
per la notte buia.

E il suo papà
ha fatto in cielo una magia.
Ha appeso la luna
che gli facesse compagnia.



Poesia inviata da: Mocellin Sergio G.


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti