Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
SA CIRCAU!
Si rischia spesso di passare dalla parte del torto per la leggerezza o la malafede con cui si formulano alcune accuse. (sonetto inedito in dial. calabro-reggino)

Dialetto: Calabria

SA CIRCAU!
Si senti diri spissu: «Sa circau!»,
quasi cu ttonu di cundanna, quandu
Tìziu o Caiu na pena sta scuntandu
o, pirfinu ca morti, ggià pavau.

Pô ddarsi chi ppi ccasu si truvau,
mentri tranquillu stava passïandu,
massisti a nu spettàculu nefandu
e ccu nci curpa no ncià pirdunau.

No! «Sa circau!» non si poti diri
quandu cârcunu, còmplici u Putiri,
u cundanna pi ccurpi chi nnon àvi.

I citadini, oggi, ànna ssapiri
difèndiri i diritti, si ssu bbravi;
cuntrastari i suprusi. Non su schiavi!

(10-09-2010)

  Traduzione in italiano

SE LÈ CERCATA!
Si sente dire spesso: «Se lè cercata!»,
quasi con tono di condanna, quando
Tìzio o Caio una pena sta scontando
o, perfino con la morte, ha già pagato.

Può darsi che per caso sè trovato,
mentre tranquillo stava passeggiando,
ad assistere a uno spettacolo nefando
e il colpevole... non glielha perdonata.

No! «Se lè cercata!» non si può dire
quando qualcuno, complice il Potere,
lo condanna per colpe che non ha.

I cittadini, oggi, debbono sapere
difendere i diritti, se sono bravi;
contrastare i soprusi. Non sono schiavi!

(10-09-2010)



Poesia inviata da: MAMUNI


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2013 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti