Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
"ELLI", "ERRI", "DDI"
Ancora sui dialetti, ma per difenderli non per snobbarli. (sonetto inedito nel calabro-reggino)

Dialetto: Calabria

"ELLI", "ERRI", "DDI"
Nt"o me' vernàculu è ttradizzïuni
cârchi "elli" nta "erri" o "ddi" cangiari.
Tu rici: «È ccaddu sutt'ô sullïuni»
ma «P'u càddu non pozzu caminari!»

Oggi è mmègghiu parrari di "bbalcuni"
quandu tu r"a to' casa vô 'mmirari
u paisàggiu e scrìviri "bbarcuni"
s'i mari Cristi… su' gghjttàti a mmari.

È ddinàmica 'a lingua, mai stàtica,
â rriartà s'adatta, â vita pràtica;
ma nc'è cu' non capissci 'a matimàtica.

Ora, a 'stu puntu, mi rumandu eu:
«È llingua morta u dïalettu meu
o malalingua chidda r'un babbeu?»

(16-05-2009)


  Traduzione in italiano

"ELLE", "ERRE", "DI"
Nel mio vernacolo è tradizione
qualche "elle" in "erre" o "di" mutare.
Tu dici: «È caldo sotto il solleone»
ma: «Per il callo non posso camminare!»

Oggi è meglio parlare di "balcone"
quando da casa tua vuoi ammirare
il paesaggio e scrivere "barcone"
se i poveri Cristi… vengono gettati a mare.

È dinamica la lingua, mai statica,
si adatta alla realtà, alla vita pratica;
ma c'è chi non capisce la matematica.

Ora, a questo punto, io mi domando:
«È lingua morta il dïaletto mio
o malalingua quella d'un babbeo?»



Poesia inviata da: MAMUNI


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti