Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
ZÀDDRARI
Un comico (si fa per dire, altro che comico!) ricordo della terza elementare e della fame, quella vera. Note: Ciccu è il diminuitivo di Franciscu. Il dialetto è quello di Montalto Uffugo (CS)

Dialetto: Calabria

ZÀDDRARI
Francìscu fatigàv'a ri carcàri,
ru figliu, 'Ntoni, 'mmeci ihj'a ra scòla,
'a stessa classi mija di lementàri.
Nu piatt'i pasta ccu vasinicòla
nu juorn'a Ciccu simu jut'a dàri
a minzijuornu prim'i ihj a ra scòla.
Franciscu allura ppi putì mangiari
Smuòlica tutta quanta ra mappìna,
rap'a gavetta e sta ppi cuminciàe
ma guarda prim'u figliu e pu' a furcina:
" 'Nto', tu ha mangiatu oppuri mangi doppu?"
U figliu gnùcia l'aria e lipperlì
Si tocca l'uocchi ccu ri man'a cuoppu,
e pue rispunne: "Ha dittu mamma, sì!"






  Traduzione in italiano

Stracci
Francesco lavorava alla fornace
Il figlio, Toni, invece andava a scuola,
la stessa classe mia, alle elementari.
Un piatto di pasta con basilico
Un giorno a Cicco siamo andati a dare
Sul mezzogiorno prima di recarci a scuola Francesco allora, per poter mangiare
Apre i lembi del canovaccio
Apre la gavetta e sta per cominciare
Ma guarda prima il figlio e poi la forchetta:
" Toni, tu hai mangiato oppure mangi dopo?"
Il figlio inghiotte l'aria e li per lì
Si copre gli occhi con le mani
E poi risponde: "Ha detto mamma, sì!"



Poesia inviata da: Benito Ciarlo


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti