Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com
Login
Username: Password:
Se non ti sei ancora registrato e vuoi collaborare con dialettando.com
Registrati ora...




 

 

LE POESIE DI DIALETTANDO.COM:

Dis ch'i hann ditt
Preso di un bollettino parrocchiale di Bettola (Piacenza)20 anni fa. Autore sconosciuto.

Dialetto: Emilia Romagna

Dis ch'i hann ditt
Dop des ann cal fa al murus
anca al Gildo adess l'è spus;
l'ha zà fatt la loina ad mel
e ag sa dris da tucca al ciel

Uramäi è passä un mes
e bisogna pagä i spes
al fotografo e al sartur,
pranz,bigliëtt,confett e fiur.

Pô gh'è al pret e gh'è i ciarghein,
l'organista e anca al viulein,
gh'è al tappeed,i drapp,i ciär
e una mancia al campanär.

A la sira in dl'osteria
Gildo l'dis 'na litania:
"Tutt i'hann fatt al sô buccon
m'è saltä quäsi un miliôn!

Asto pret ad la malura
cal ma fatt rastä pr'un ura
seimpr in snocc'insim'un banc
l'ha vuri des mila franc!"

Dis al Poldo:"al dè d'incö
tütt i'enn bon da cattä sö...
Me cunuss almä che un pret,
qual da mëtt al fög in lett!

Con dill mëss e benedission
i fann sö di gran milion
it fann crëd cl'è pr'al Signur
lur intant i fann i siur

Al noss pret al g'ha tant sood
c'an so gnan ma 'llia fa a good
al va in banca ogni lündè
con la bursa,l'ho vist me"

Dis al Berto:"Dis ch'i ann ditt
ca tütt i'ann ig dann l'affit,
parchè al g'ha du' o tre pussion
c'anca le 's tratta ad milion.

L'ha fatt sö una grossa ciesa
cla gnarà chi sa che spesa...
Dis perô ca 'sti plan plan
ag i'ha datt al Vatican!

In canonica dop seina,
al noss pret l'è là in cüseina
cal fà sö di gran pacctein
e al suspira pian pianein:

"Tütt des franc!Gh'è quäsi gnint,
i'enn tütt piöcc adess la gint;
i g'hann miss anca un gettön,
Veh! che roba,anca un buttön!

Filomena par piaser,
rompa zù al salvadanär;
fatt i coint.ho vist c'am manca
tarseint franc da purtä in banca"

La matteina dal lündè,
dop la mêssa e un gram caffé
con la bursa sutt al brass
al va in banca...'sto siurass!

"Ragiuneer,ho purtä al pacc,
ad des franc chemô ag n'è un sacc!
cal sa fagga sö i barbiis,
parchè al g'ha da divertiis.

Ho vüdä la mè cassëtta
e anca incö sum in bullëtta;
perô,insumma,bein o mäl,
ho pagä anca 'sta cambiäl".

  Traduzione in italiano

Si dice
Dopo dieci anni che è fidanzato,
anche Gildo adesso è sposato:
Ha gia fatto la luna di miele
e gli sembra di toccare il cielo.

Ormai è passato un mese
e bisogna pagare le spese
il fotografo e il sarto,
pranzo,biglieti,confetti e fiori.

Poi c'è il prete e ci sono i chirichetti,
l'organista e anche il violino
c'è il tappeto,i drappi,le candele
e una mancia(da dare) al campanaro.

Alla sera nell'osteria
Gildo dice una litania:(si lamente)
"Tutti hanno avuto il loro boccone
a me è saltato(ho speso)quasi un milione!

Questo prete maledetto
che mi hà fatto restare per un' ora
sempre in ginocchio sopra un banco,
ha voluto diecimila lire!"

Dice Poldo:"al giorno d'oggi
tutti sono capaci di prendere
io conosco solamente un prete
quello per mettere il fuoco in letto!

Con messe e benedizioni
hanno accumulato dei gran milioni
Ti fanno credere che è per il Signore
loro intanto fanno i signori.

l nostro prete ha tanti soldi
che non so neppure come farà a goderseli:
va in banca ogni lunedi
con la borsa,l'ho visto io!"

Dice Berto:"Diccono che hanno detto
che per tutto l'anno gli danno l'affito,
perche ha due o tre possedimenti
e anche li si tratta(prende) di milioni.

Ha fatto costruire una granda chiesa
che costarà chissa quale somma...
Dicono pero che questi soldi
glieli ha dato il Vaticano!"

In canonica,doppo cena,
Il nostro prete è la in cucina
che prepara dei grandi pacchettini
e sospira piano piano:

"Tutte (monete da)dieci lire! non c'è quasi niente
sono tutti pidocchi(avari) adesso la gente:
C'hanno messo anche un gettone,
guarda che roba,anche un bottone!

Filomena, per piacere
rompi il salvadanaio,
ho fatto i conti e mi sono accorto che mi mancano
trecento lire da portare in banca".

La mattina del lunedi,
dopo la messa è un cattivo caffè,
con la borsa sotto il braccio
va in banca...questo gran signore!(riccone)

"Ragionere,ho portato il pacco
di dieci lire qui ce ne sono tante !
Si faccia su i baffi(si tiri su le maniche),
perché qui c'è di divertirlo.

Ho vuotato la mia cassetta
e anche oggi sono in boletta(non ho denaro)
Pero,insomma,bene o male
ho pagato anche questa cambiale".



Inviata da: ignoto

dialettando.com © 2003-2010 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti