Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Liguria
Appena doppo che-u líè ciuviu
Dialetto: Liguria

Appena doppo che-u líè ciuviu
Appena da poco
lía smisciu de ciêuve:
pe-i munti, in ti campi,
in çê, côse nêuve.

Da-e nivue u sô sbucca
cun brevi sò lampi:
pe-a quiete díinturnu
dà luxe u riturnu.

E-i ciorla i rianetti
tra e lèllue, sciù e prïe,
sciametti de sïe
i sfreccia, fischiando.

Purtroppo mì sulu
sun quellu de prïma,
nisciuna frescua
me ciêuve ciù i in çìma!

  Traduzione in italiano

Dopo la fine della pioggia
Appena da poco
ha smesso (=smisciu) di piovere (=ciêuve):
per i monti, per i campi
in cielo, cose nuove.

Il sole esce (=sbocca)attraverso le nuvole (=nivue)
con brevi suoi lampi (=lampi):
per la pace intorno
il ritorno della luce.

E ciarlano (=ciorla) i torrenti
tra líedera, sulle pietre
sciami di zigoli (= sïe ossia uccelli)
sfrecciano fischiando.

Purtroppo io solo
sono quello di prima,
nessuna frescura
mi piove più sopra (=in çima)!

Scritta tra il 15 ed il 16 di gennaio 1955



Poesia inviata da: Luigi Panero de Leua


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti