Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
Mi rissuru 'na cosa scunvorgenti
Il saggio Giufà, reggino d'oc, ha appreso una cosa che lo ha sconvolto...

Dialetto: Calabria

Mi rissuru 'na cosa scunvorgenti
Mi rissuru 'na cosa sconvorgenti:
Chi fimmini si fannu a sapunata
E poi, comu si fussi propriu nenti,
Si fannu a barba 'nta cosa scustumata.

O fimmini, chi siti la passioni mea,
Pirchi ffinditi la Maestà Ddivina?
Si Iddhu fici sciuriri la fulea
Vor diri ch’era cosa giusta e fina.

Mi rissuru che vui vi li tagghiati
E di tantu sciuriri spampanatu
Restanu si e no du pila nniracati
Chi mancu si l’accattunu o mercatu.

Vi lu ricordu ora, a stu mumentu:
“Tira cchiù nu pilu i fimmina
Ca ‘nu capu i bastimentu”,
Ma si lu pilu vui vi lu tagghiati
Non c’è spiranza e mancu sarbamentu.

Ca lu cedduzzu, si sa, voli vulari
Alla fulea quand’è bella e mpinnata:
Si esti spana, comu a me cunpari,
iddu s’affridda e mori a la scurdata.

Giufà

  Traduzione in italiano

Mi hanno detto una cosa sconvolgente
Mi hanno detto una cosa sconvolgente:
che le donne si insaponano
e poi, come se fosse proprio nulla,
si fanno la barba nella cosa scostumata.

O donne, che siete la passione mia,
perchè offendete la Maestà Divina?
Se Lui ha fatto fiorire il nido
vuol dire che era cosa buona e giusta.

Mi hanno detto che voi ve li tagliate
e di tanto fiorire rigoglioso
rimangono si e no due peli striminziti
che neppure li comprerebbero al mercato.

Ve lo ricordo ora, in questo momento:
"tira di più un pelo di donna
che una corda di bastimento",
Ma se voi il pelo ve lo tagliate
non c'è più speranza e neppure salvezza.

Che l'uccellino, si sa, vuole volare
al nido quand'è bello e folto:
se è calvo, come mio compare,
lui si raffredda e muore dimenticato.

Giufà



Poesia inviata da: Carlo Baccellieri


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti