Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
Quandu vaju u mi curcu
Dialetto: Calabria

Quandu vaju u mi curcu

Cu Gesù mi curcu, cu Gesù mi staju,
jchiamandu Gesù, paura non haju.
A Madonna m'è mamma, u Signiri è me patri,
sant'Anna è me nonna, san Giacchinu è me pappù,
l'angialeji su soru e frati, i serafini mi su' cuggini.
Ora chi nd'haju st'amici fidili,
mi fazzu la cruci e mi mentu a dormiri.

  Traduzione in italiano

Quando vado a dormire

Con Gesù mi corico, con Gesù rimango,
invocando Gesù paura non ho.
La Madonna e la mia mamma, il Signore è mio padre,
sant'Anna e la mia nonna, san Giacchino è il mio nonno.
Gli angioletti son sorelle e fratelli, i serafini sono i miei cugini.
Ora che ho questi amici fedeli,
faccio il segno della croce e mi metto a dormire.



Poesia inviata da: Silvana Rechichi


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti