Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Toscana
Cacciucco di Danilo "Uliano"
Regione: Toscana

Il re dei piatti Livornesi va fatto con amore, sennò è meglio ‘un fallo; ci vole pazienza e bona volontà.
Col Cacciucco ci si beve il Vino, ma deve essere Vino Rosso, leggero, non troppo invecchiato.
C’è chi il Cacciucco lo da anche a’ bimbi, come quella donna di Venezia che portò il su’ bimbo dal Dottore perché sbarellava.
Il Dottore glielo disse subito “ Ma questo bimbo ha bevuto il Vino! ai bimbi gli si da il Latte “ e su’ madre: “ Dhe, Dottore col Cacciucco ‘un ci si beve mia il latte”
Quando si mangia il Cacciucco, nun ci devono essere pisani intorno: ”Porta male”
Il Cacciucco, si fa cosi. Si mette al fuoco un bel Tegame, (non quello di mi madre!). Nel Tegame ci si mette Olio d’oliva, Aglio, Salvia e Peperoncino, e si soffrigge.
Poi ci si butta dentro i Porpi e le Seppie tagliati a troccoli, un bicchiere di Vino bianco, e un po’ di concentrato di Pomodoro, in modo che la roba cominci a diventare rossa.
Bisogna ogni tanto rimescolare e va fatto cuocere per almeno mezzora.
Mentre coce, bisogna man mano buttacci dentro i pezzi tagliati, di Palombo, di Grongo e di Pesce da zuppa. Un po’ dopo, gamberoni, ciale, scampi e gamberi.
Qualche pezzo di Pesce, e le teste, cotte e passate con lo schiacciatutto servono per farci, con gli odori e un po’ di Pomodoro, un brodino denso, da bagnacci il Pane abbrustolito e strusciato con l’Aglio.
Passata la mezz’oretta di ‘ottura, bisogna che i Porpi e le Seppie siano diventati teneri, si butta nel tegame i frutti di mare con gusci e tutto.
Dopo sei/sette minuti, appena i gusci si saranno aperti, si spenge il fuoco.
Il pane abbrustolito e agliato si mette nel piatto e si comincia a buttacci su Pesce, sugo, Datteri, Vongole e Crostacei come se piovesse, stando attenti a non fare i furbi e, a ‘un pigliassi per se le parti meglio: si dice che varcheduno abbia ammazzato la mamma per un Cacciucco servito da furbi !
Mentre si mangia, si pole usà anche le mani, ci si beve il Vino rosso e leggero. Alla fine ci manca una cosa sola: il Ponce! quello livornese con le sue varianti, Torpedine, Bomba e a Vela.

  Ingredienti

Per sei persone: Seppie nostrali 500 gr., Porpi di scoglio di Calafuria 500gr., Palombo fresco 300 gr., un po’ di Grongo, Pesce da zuppa 500 gr. (Scorpano, Gallinella, Cappone, una Triglietta ), Grongo, Frutti di mare freschi, ma solo Datteri e Vongole, 500 gr., Crostacei 500 gr. (Gamberoni, Ciale, Scampi, Gamberi), Vino Bianco, Olio d’Oliva, Aglio, Salvia, Peperoncino, Concentrato di pomodoro, Fette di pane abbrustolito, strusciato coll’Aglio e Pepato.



Ricetta inviata da: Paolo Vivaldi


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti