Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Veneto
[Pien d'un vecchio pensier, che me desvìa...]
Poesia del grande poeta e commediografo veneziano Andrea Calmo (Venezia, 1510-1571)

Dialetto: Veneto

[Pien d'un vecchio pensier, che me desvìa...]
Pien d'un vecchio pensier, che me desvìa
da le persone e me fa andar mi solo,
mesurando da l'un e l'altro polo,
col cervelo, quant'è longa la via,

oimè che son cargào de zelosia,
e a torno 'l cuor gh'è un superbo fòlo,
ché la mia donna sì l'ha tolt'a nolo
per far più fiamma in la mia fantasia.

Che sarà può, co' sarò brustolào,
e desteso per morto in caeléto?
So vergogna, e mio danno in veritae.

So ben che la dirà: - O povereto,
el m'agriéva, el me diol, me fa peccào -:
ma tardi l'aqua a le case brusàe.





  Traduzione in italiano

[Pien d'un vecchio pensiero che mi svia...]
Pien d'un vecchio pensiero che mi svia
dalle persone e mi fa andare solo
misurando, dall'uno all'altro polo,
col cervello quanto è lunga la mia via,

oihmè, ché io son pieno di gelosia,
e intorno al cuore v'è un superbo mantice
che la mia donna ha preso a nolo
per far più fiamma nella mia fantasia.

Che cosa sarà poi, quando bruciato
me ne starò disteso, morto, nel cataletto?
Sua vergogna e mio danno, in verità.

So bene che dirà: - O poveretto,
come mi pesa, mi duole, mi fa pena -
ma tardi l'acqua alle case bruciate.









Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti