Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica

I racconti della regione Piemonte
Trovati 9 - Visualizzati 9 (da 1 a 9)

Ricerche avanzate

Fàul ëd Fedër
Questa vuole essere una riproposizione di alcune tra le più note favole di Fedro nel dialetto di Megolo di Pieve Vergonte (val d'Ossola - VB). Nel tradurle ho cercato di attenermi alla grafia piemontese.
Inviato da: Davide


Al màtt ritruvà
La parabola del figliol prodigo è un po' la palestra di chi vuole cimentarsi nel dialetto. Anch'io ho provato nel dialetto di Gozzano.
Inviato da: Carlo Bacchetta


La Parabola del Figliol Prodigo
Visto il successo che ha ottenuto questa parabola nelle varie traduzioni vorrei darne una mia interpretazione nel dialetto di Megolo (Ossola-Piemonte). *
Inviato da: Davide


La robiola
Il poeta piemontese Nino Costa decanta la robiola (Elda)
Inviato da: Nino Costa


Lettra a me nonu Paulin
Testimonio per la prima volta nella mia vita,"ad alta voce" l'amore che mi ha legata ad una persona umile e santa.
Inviato da: Elda


Burgatin
Il bambino Burgatin trova tre soldi, ci compra dei fichi, ne pianta uno e l'albero si sviluppa magicamente in una sola notte. Mentre B. raccogli i frutti, il Mago (orco) lo prega di offrirgliene uno e con quel pretesto lo cattura per cibarsene, ma ritenendolo troppo magro, lo rinchiude all'ingrasso nel suo porcile. Per controllare i progressi usa tastargli un dito, avendo problemi di vista, ma il furbo bambino lo inganna, prima con un chiodo e poi con la coda di un topo. Il M. decide di mangiarselo comunque e incarica la moglie di cucinarlo. Costei porta il ragazzo in cucina e gli chiede di attizzare il fuoco del camino soffiandoci sopra, ma lui fa lo gnorri; la donna allora prende il suo posto per mostrargli il modo di agire e B. approfitta della posizione da lei assunta per spingerla tra le fiamme e prendere poi la fuga. Si tratta di una fiaba molto diffusa in tutta Europa e particolarmente in Italia, con varianti di minimo conto.
Inviato da: Massim M. Bonin


Cäntàa Masc
Il rito del Maggio serenata a Casale Corte Cerro (VB - Piemonte)
Inviato da: Massim M. Bonin


Na cubia ca 'n se pô scurdò
Memorie che riaffiorano dal passato, brandelli di testi dialettali rimasti nella mente dall'infanzia o tracce di tradizioni di cui si e perduto il filo...
Inviato da: Albina Tinello


La Parabola del Figliol Prodigo
Costruiamo una "Stele di Rosetta" dei dialetti italiani attraverso la «Parabola del Figliol Prodigo» nella varie "altre" lingue?
Inviato da: Roberto Allegri


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti