Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Lombardia
La Parabola del Figliol Prodigo
Costruiamo una "Stele di Rosetta" dei dialetti italiani attraverso la «Parabola del Figliol Prodigo» nella varie "altre" lingue?

Dialetto: Lombardia

La Parabola del Figliol Prodigo
Nel dialetto di Sannazzaro de' Burgondi (Pavia).

Un om äl g'avä d'q fioeu. Äl püsè giun g'à dì ä so padär: "Päpà, dam sübit lä mè part d'eredità cä mä spetä". Älurä äl padär l'à spärtì cu cä 'l g'avä tra i so dü fioeu. Dop un quai dì, äl fioeu püsè giun l'à vindü tütä lä so robä e äs n'è ändai int'un päis luntän e là, l'à spes tüti i so sold vivändä in goglä e migoglä. Quänd l'è rästà sensä pü gnintä, in tä cul päis là gh'è gnü unä tärmentä cärestiä e lü l'à cumincià ä veg dä bsogn. Älurä l'è 'ndai sutä pädron dä iün däl pais , c 'äl l'à mändà in ti cämp ä guärdà i pursé. Äd lä fam, l'ävris vurü >mängià i cärubi chi mängiavän i gugnin, ma insünä äg nä davä. Älurä, gnändä in täl so, l'à dì: "Tüti cui sutä me padär g'än dä mängià fen c'äg n'än ä sé, men inveci chi ä moeuri äd lä fam. Ändäroeu indré dä me padär e g'disaroeu: - Päpà, oeu pecà conträ 'l Signur e conträ ti. Ä son pü degn dä ies un to fioeu. Tratäm 'me un to gärsòn". Äl s'è inävià e l' è 'ndai indré dä so padär. Intänt c'l'erä äncù luntän, so padär äl l'à vüst e g'à 'vü cumpassion. G'à curs inconträ, äll'à bräsà sü e äll'à bäsà. Äl fioeu g'à dì: "Päpà, oeu pecà contr'äl Signur e conträ ti. Ä son pü degn dä ies un to fioeu". Ma äl padär g'à dai urdin ai so gärson: "Fè präst, purtè chi 'l vistì püsè bel e vistisèl , mätèg l'äné äl did e i scarp in ti pé. Ändè ä pià äl vidél gras e mäsèl. Fumä festä con un disnà, pärchè cul fioeu chi l'erä mort e l'è gnü >äncù viv; l'erä pers e l'è stai ritruà". E iän incumincià ä fa festä. Intänt, äl prim fioeu l'erä in cämpagnä. Gnändä ä ca, quänd l'à rivà presä ca suä la sintü chi sunavän e i balavän. L'à ciämà un gärsòn e g'à dì sä cl'era sucès . Äl gärsòn g'à dì: "G'à gnü ä ca to fradé e to padär l'à fai mäsà äl vidél gras pärchè äl g'avü indré äl so fioeu sän e saläv". Älurä lü sa räbià e 'l vurivä näncä ändà in ca. Ma so padär l'è ändai foeu pär ciärcà dä cunvinciäl ä 'ndà dentär. E lü g'à rispost ä so padär: "Dä tänti an men ät särvìsi e t'oeu sempär dai dätrà, epürä ti tä mè mai dai un cravén dä fa festä cui mè ämis. Adès inveci c'à gnü ä ca cul to fioeu chi, cl'à trai viä i so sold cui putàn, pär lü t'è fai mäsà äl videl gras!". So padär äl g'à dì: "Car äl mè fioeu, ti t'è sempär cun men e tüt cul cl'è äl mè, l'è äncä äl to; ma 's duvivä fa festä e ies cuntent, pärchè, cul to frädé chi, l'erä mort e l'è gnü äncu äl mond, äl s'erä pèrs e l'è stai truà äncù!".

  Traduzione in italiano

La Parabola del Figliol Prodigo
Un uomo aveva due figli.
Il più giovane disse al padre: "Padre, dammi la parte del patrimonio che mi spetta".
E il padre divise tra loro le sostanze.
Dopo non molti giorni, il figlio più giovane, raccolte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò le sue sostanze vivendo da dissoluto.
Quando ebbe speso tutto, in quel paese venne una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno.
Allora andò e si mise a servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube che mangiavano i porci; ma nessuno gliene dava.
Allora rientrò in se stesso e disse: "Quanti salariati in casa di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi garzoni".
Partì e si incamminò verso suo padre.
Quando era ancora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò.
Il figlio gli disse: "Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio".
Ma il padre disse ai servi: "Presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l'anello al dito e i calzari ai piedi. Portate il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".
E cominciarono a far festa.
Il figlio maggiore si trovava nei campi.
Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; chiamò un servo e gli domandò che cosa fosse tutto ciò.
Il servo gli rispose: "E' tornato tuo fratello e il padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo".
Egli si arrabbiò, e non voleva entrare.
Il padre allora uscì a pregarlo.
Ma lui rispose a suo padre: "Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai trasgredito un tuo comando, e tu non mi hai dato mai un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che questo tuo figlio che ha divorato i tuoi averi con le prostitute è tornato, per lui hai ammazzato il vitello grasso".
Gli rispose il padre: "Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".



Racconto inviato da: Renato Murelli


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti