Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Piemonte
La Parabola del Figliol Prodigo
Visto il successo che ha ottenuto questa parabola nelle varie traduzioni vorrei darne una mia interpretazione nel dialetto di Megolo (Ossola-Piemonte). *

Dialetto: Piemonte

La Parabola del Figliol Prodigo
In om gh'èva doi fieui.
Al pussè giùin 'l gh'à dicc al sò pà: "Pà, dàm col ch'a 'm spèta dl'eredità". Alora 'l pà l'à spartì col ch'o gh'eva tra i doi fieuj. Dopo 'n quaich dì, 'l fieul pussè giuin l'à ramasso' i so robb e l'è partì pa 'n paés luntàn. Lì l'à scperpero' fòra tut dàndosi a la bèla vita.
Scpés fòra tut, in col paés lì l'è gnoa 'na gràn carestia, e lui l'à comincio' ad avegh da bseugn. Alora o' s'è mès al servizi d'in scior da col paés lì, e l'è naj pai camp a pasculà i peurc. U' voreva mangià anca lui i giand di peurc, ma 'nciun o'g ni dàva.
Alora l'à penso' 'ntra da lui:" Varda ti, quénti ch'ij lavuri sota al me pà, e mi a som chì a fà la fam! Adès a vagh dal mè pa e a'g disi: Pà a j'ò pecà contra da ti e contra 'ln signur, a'm meriti pu da èsa 'l teu fieul. Tràtam com'in teu garzon".
Alora l'è partì e l'è torno' ndré dal seu pà. Quand l'era 'ncora lontàn, 'l pà l'eva gia vist e l'eva già cors incontra al fieul par brasciàl su.
Al fieul o'gha dicc alora:"Pà a j'ò pecà contra da ti e contra 'ln signur, a'm meriti pu da èsa 'l teu fieul". Ma 'l pà u'gh à subit dicc ai servi:"Presto, portéi chì 'l vestì pissè bìl e vestìl su. Metìgh 'n anél 'ntàl dèl e 'n para ëd scarp int'ij péj. Portéj 'l videl gras, masèl, mangioma e foma fescta, parché cost fieul chì l'era meurt e l'è torno' in vita".
E ij han taco' a fà fescta.
'l fieul pussé grand l'era 'nti camp e quand l'è turno' a cà l'ha sentu la musica e i bàl. Alora l'ha ciamo' 'n servo e o gh'a domando' cosa l'èra tut col bordél. 'l servo o gh'a rispost ch'l'èra torno' 'l seu fradél san e salvo e 'l pà l'eva faj mazà 'l videl pissè gràs perché lera turnà a cà san e salvo.
Lui osha rabio e voreva mia nà dintar. Alura l pà lè naj fòra për pregàl. Ma col ogha dicc: Pà, mi ijn ténti ani che sun chì a servìt, e jho mai trasgredì n tò ordin e ti ti me mai daj n cravet për fa festa insèma ai mè amisc. Adès col lì o torna dop cla pacià fòra tuti i to sòd insèma ai plòji, e ti tig mazi l vidél pissé gràs. E l pa ogha dicc: Fieul, ti tse sempar con mi e col chlè mè lè anca teu. Ma adès oguà fa festa e stà alegri, përchè lteu fradél l'era meurt e l'è torno' in vita, sera perdu e lè staj ritruvo.


*Note per la pronuncia :
-la o non accentata si pronuncia u.
-la u non accentata si pronuncia ü, se accentata si pronuncia normalmente
-la ë va pronunciata come una a breve.
-il suono eu è da pronunciarsi alla francese (corrisponde ad ö)

  Traduzione in italiano

La Parabola del Figliol Prodigo
Un uomo aveva due figli.
Il più giovane disse al padre: "Padre, dammi la parte del patrimonio che mi spetta".
E il padre divise tra loro le sostanze.
Dopo non molti giorni, il figlio più giovane, raccolte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò le sue sostanze vivendo da dissoluto.
Quando ebbe speso tutto, in quel paese venne una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno.
Allora andò e si mise a servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube che mangiavano i porci; ma nessuno gliene dava.
Allora rientrò in se stesso e disse: "Quanti salariati in casa di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi garzoni".
Partì e si incamminò verso suo padre.
Quando era ancora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò.
Il figlio gli disse: "Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio".
Ma il padre disse ai servi: "Presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l'anello al dito e i calzari ai piedi. Portate il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".
E cominciarono a far festa.
Il figlio maggiore si trovava nei campi.
Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; chiamò un servo e gli domandò che cosa fosse tutto ciò.
Il servo gli rispose: "E' tornato tuo fratello e il padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo".
Egli si arrabbiò, e non voleva entrare.
Il padre allora uscì a pregarlo.
Ma lui rispose a suo padre: "Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai trasgredito un tuo comando, e tu non mi hai dato mai un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che questo tuo figlio che ha divorato i tuoi averi con le prostitute è tornato, per lui hai ammazzato il vitello grasso".
Gli rispose il padre: "Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".



Racconto inviato da: Davide


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti