Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Campania
L'acqua e a Vrasa
Morale:-L'unione fa la forza;l'apporto di tutti, ognuno secondo le proprie caratteristiche, è utile al fine del conseguimento del bene comune. Nessuno deve vantarsi di essere migliore degli altri.

Dialetto: Campania

L'acqua e a Vrasa
Ng'era na vota nu sicchio e na vrasèra
l'acqua ind'o sicchio e a vrasa ind'a vrasera.
A sciorta pazziaròla i mmettette fianco a fianco, tutt'e dui sott'a nu tàulo.
"Ah! Si nun nge fosse stata io,nun nge sarìa vita ncopp'a stu munno!" recette a auta voce l'acqua pe se fa sente r'a vrasa. E a vrasa accussì re respunnette:- "Tiniti raggione, ma senza u calore r'a fiamma mia, che fosse stu munno? Che fussi tu stessa?
Sulo chiatruli e chiatruli, friddi e senz'anima!"
"Che bbuò sapé tu?" respunnette l'acqua resenduta "Ind'a me aggiu sentuto u primo battito r'u primo core, u primo tremmulio re na cosa viva!"
"U ssaccio buono pur'io!" facette a vrasa "U calore mio mboca u nuzzo sott'a terra e po', chiano chiano, se apre, caccia na rarechella, na fugliulella e, 'mpruvvisamente, a ddò prima nun ng'era nienti può verè n'albero auto e forte, generoso r'ombra e frutti!"
Accussì l'acqua e a vrasa se menavano frecciate, quanno na vicchiarella, stanca e affannata,au tàulo s'avvicinao cu l'intenzione re s'assettà.
Piglianno posto ncopp a seggia, nu père stennette sott'au tàulo e, mang'a farl'apposta, u sicchio nduzzao cu na bella botta tosta.
Che nun succerette?!? U sicchio s'abbotecao cu l'acqua ncopp'a vrasa.
E a vrasa, puverella, ind'a n'attimo cennere addeventao.
Ma mango l'acqua facette na bella fine:-
'ncielo sene vulao cu nu sbuffo re vapore.

  Traduzione in italiano

L'acqua e la Brace
C'erano una volta un secchio ed un braciere,
L'acqua nel secchio e la brace nel braciere.
La sorte giocherellona lo mise fianco a fianco, tutt'e due sotto un tavolo.
"Ah! se non ci fossi stata io, non ci sarebbe vita su questo mondo! disse l'acqua ad alta voce per farsi sentire dalla brace. E la brace così le rispose:- "Avete ragione, ma senza il calore della mia fiamma, cosa sarebbe questo mondo? Cosa saresti tu stessa? Solo ghiaccioli e ghiaccioli, freddi e senz'anima!"
"Che vuoi sapere tu?" rispose l'acqua risentita "Dentro di me ho sentito il primo battito del primo cuore, il primo tremolio di una cosa viva!"
"Lo so bene anch'io!" - fece la brace - "Il mio calore riscalda il seme sotto la terra e poi, piano piano, si apre, caccia una radichella, una fogliolina e, improvvisamente, dove prima non c'era niente, puoi vedere un albero alto e forte, generoso di ombra e frutti!"
Così l'acqua e la brace si lanciavano frecciate, quando una vecchietta, stanca e affannata, si avvicinò al tavolo con l'intenzione di sedersi.
Prendendo posto sulla sedia, un piede stese sotto il tavolo e, manco a farlo apposta, il secchio colpì con una bella botta tosta.
Cosa non successe?!? Il secchio si capovolse con l'acqua sulla brace.
E la brace, poverina, in un attimo cenere diventò.
Ma neanche l'acqua fece una bella fine:
In cielo se ne volò con uno sbuffo di vapore.



Racconto inviato da: Vincenzo Abatiello


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti